Riflessioni sparse di una scrittrice notturna

5 pensieri su “Riflessioni sparse di una scrittrice notturna”

  1. Bisogna poterselo permettere di poter fare come fai tu: se la sveglia suona presto, non puoi star in piedi fino a tardi, altrimenti rendi poco in tutto e questo, alla lunga, si ripercuote su… tutto!

    E’ vero, di notte fa fresco, ma è altrettanto vero che dormire quando fa caldo, per me è peggio. Forse potresti alzarti presto ed essere produttiva appena sveglia, così che la mente non sia ancora “impelagata” nei pensieri del giorno che verrà… Beh, visto che puoi, sperimenta: al massimo non va bene, no?

    Comunque ho dato solo spunti, non vorrei li prendessi come consigli! 😉

    Piace a 1 persona

    1. Infatti è una cosa che mi posso permettere di fare solo fino alla fine dell’estate, cioè fino al trasferimento visto che poi avrò altre cose. Ho provato anche alla mattina ma niente, la mattina per me non è mai stata molto produttiva 😁😁 però non si sa mai, c’è sempre modo di sperimentare 😊

      Piace a 1 persona

  2. Butta via ogni tipo di paura, perché i tuoi scritti sono coinvolgenti.
    Per quanto riguarda la notte, porta un sacco di idee, illuminazioni e silenzi che nascondono nuove cose da scrivere o sulle quali riflettere.
    GO ON !!!
    Barbara

    Piace a 1 persona

Rispondi a Alessandro Gianesini Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...